La Tecnica del TERZO KRIYA

TECNICA DEL TERZO KRIYA 

<<< FREE DOWNLOAD DISPENSA CORSO BASE DI RADIONICA E RADIESTESIA 160Kb - FREE DOWNLOAD DISPENSA CORSO AVANZATO DI RADIONICA E RADIESTESIA 241 Kb - FREE DOWNLOAD DISPENSA CORSO DI GUARIGIONE NATURALE CON LE GUIDE SPIRITUALI E LA RADIESTESIA 94 Kb - DISPENSA CORSO REIKI 1° GRADO 84 Kb - DISPENSA CORSO REIKI 2° GRADO - DISPENSA CORSO REIKI 3° GRADO (MASTER) >>>

>>> Clicca di seguito per acquistare il CD di Meditazione Guidata di Ruggero Moretto (40 Min.)

Praticate per venti volte il primo Kriya e dopo sei volte questo terzo kriya. Fate così per i primi tre mesi per passare in seguito a dodici ripetizioni.
Il metodo è il seguente:
Per prima cosa fate una lenta e profonda ispirazione portando la corrente fredda su partendo dal coccige con il suono ooooooooooo (come per il primo kriya). Mentre la corrente sta salendo da chakra in chakra lungo la colona vertebrale cantate mentalmente per ogni chakra :
1) Om in relazione a quello corrispondente al coccige.
2) Naw ( in Italiano si pronuncia Na) per il centro sacrale
3) Mo al centro lombare
4) Bhaw ( ba in italiano) per il centro dorsale
5) Gaw ( gha in Italiano)
6) Baw (ba in Italiano) al centro della Coscienza cristica fra le sopraciglia.

 Mentre cantate mentalmente e portate all' insù il fresco respiro e la corrente dal coccige al Centro Cristico dovente cercare nel contempo di esercitare continuamente una pressione mentale, non fisica, per portare il respiro dalla parte inferiore del addome allo sterno ed al petto. Mantenete fermo il respiro al centro della coscienza Cristica fra le sopracciglia. Pensate che tutta l’energia del corpo ed il respiro entra nel punto fra le sopracciglia.

In seguito continuando a trattenere il respiro piegate gentilmente la testa il più che potete verso la spalla sinistra e cantate mentalmente il suono Ta concentrandosi al midollo allungato e cercando di sentire la corrente che arriva là.

Trattenendo ancora il respiro piegate gentilmente la testa verso la spalla destra  immaginando nel contempo che la corrente si muove verso giù verso il centro cervicale. Cantate mentalmente Ba mentre l’attenzione e la corrente sottile rimangono concentrate al centro cervicale.
Continuando a trattenere il respiro inchinate velocemente la testa in avanti in modo che il mento colpisca il petto. Sentire la corrente calda che arriva al centro dorsale. Cantando mentalmente Su nel contempo. Sentite il respiro e la corrente che riposano in questo centro dorsale.

Alzate il mento, in modo che sia parallelo al terreno e continuate a sentire la sensazione calda del respiro che si dirige verso il basso emettendo il suono IIIIIIIII come nel primo Kriya. E cantate mentalmente Da al centro lombare Ba al centro sacrale e Yaw al centro coccigeo.

Se avete fatto caso salendo e discendendo la colona vertebrale si pronuncia un mantra :
Om namo bhagabata Basudabaya .
Si dice nella letteratura sanscrita che ogni chakra abbia il suo suono primordiale il suo Bija mantra che lo risveglia. Le mie conoscenze non arrivano a tanto; io non li conosco questi suoni che servono per risvegliare i chakras vedere i loro colori e sentire i loro suoni astrali.
A mio avviso questa tecnica del terzo kriya usa un mantra indù allora non può esser universale; con ogni probabilità altre religioni userano altri mantra

 


MKPortal M1.1.2b ©2003-2007 mkportal.it
Pagina generata in 0.07342 secondi con 13 query